Giornalista

L’acqua manca da diversi giorni. Situazione critica per anziani, attività commerciali e scuole. La protesta sui social investe anche il presidente della Regione Michele Emiliano ma la sua risposta non piace ai montanari. In tilt gli impianti di riscaldamento delle scuole, a rischio il normale svolgimento delle lezioni

In Italia una gravidanza su sei si interrompe spesso per cause ignote. Nel mondo ogni anni ci sono circa 5 milioni di bambini nati morti. Su questi temi l'associazione CiaoLapo Onlus vuole “far luce” aderendo alla giornata mondiale della consapevolezza (oggi, 15 ottobre) sulla perdita perinatale e infantile, International BabyLoss Awareness Day

Dal 2007 l’associazione CiaoLapo Onlus organizza anche in Italia questa giornata. Per l’edizione 2016 ne sono state coinvolte oltre sessanta, tra queste anche Vieste grazie all’impegno di Nicoletta Pallozzi, socia dell’associazione: “Nostro compito è garantire un apporto a quelle famiglie che devono affrontare un evento difficile come la perdita di un figlio. A loro, così come è accaduto a me, vogliamo donare anche una speranza: quella dei Bambini Arcobaleno (le mamme di questi bimbi sono definite speciali), ovvero quei figli che arrivano dopo la perdita di un altro figlio”. Nicoletta non nasconde anche la sua soddisfazione riferita al coinvolgimento di più realtà cittadine: “Fino all’anno scorso c’era solo Vieste, quest’anno – conclude – in Puglia hanno aderito anche Bari, Barletta, Foggia e Bisceglie”.

Il motivo della istituzione della “giornata” viene spiegato da Claudia Ravaldi, presidente della Onlus: “La morte perinatale riguarda cinque milioni di bambini nati morti o morti dopo la nascita ogni anno in tutto il mondo. In Italia, la morte perinatale riguarda dieci famiglie al giorno; considerando anche le perdite precoci del primo trimestre, circa una gravidanza su sei in Italia termina con la perdita in gravidanza o dopo la nascita Il BabyLoss Awareness Day è rivolto a tutte queste donne, alle loro famiglie e agli operatori del settore materno-infantile coinvolti nella cura”. Cosa accadrà oggi, in tutto il mondo, in tutte le città che hanno aderito all’iniziativa: “Centinaia di associazioni e di enti coinvolti nella tutela della salute materno-infantile e nella prevenzione degli eventi avversi partecipano con numerose iniziative locali che si svolgono durante tutto il mese di Ottobre e culminano nella giornata del 15, il “Babyloss Awareness Day” celebrata in tutto il mondo da migliaia di associazioni e milioni di singoli cittadini”. Filo conduttore dell’iniziativa: la promozione della conoscenza, medica, psicologica e psicosociale e l’importanza della corretta informazione per promuovere la salute e il benessere, psichico, fisico e sociale.

L’evento che accomuna tutte le iniziative del BabyLoss Awareness Day è l’Onda di Luce, che si svolge a partire dalle 19 (ora locale) e unisce idealmente tutti i Paesi del mondo: inizia in Australia, al cambio di ogni fuso orario, l’onda di luce si propaga di continente in continente, di Stato in Stato, avvolgendo tutto il mondo. L’obiettivo A iniziativa bimbiprimario del BabyLoss Awareness Day è “fare luce” sul tabù della morte in gravidanza e dopo la nascita, sulle morti evitabili, sulla cura da destinare ai genitori e ai familiari, sulle ultime ricerche in campo medico e psicologico, sugli aspetti culturali e artistici che possono aiutare i genitori a raccontare e raccontarsi. Dieci bambini al giorno in Italia nascono morti a termine di gravidanza o muoiono entro un mese dal parto, “a queste famiglie spesso manca un sostegno sia in ospedale che sul territorio”. CiaoLapo ha ricevuto mandato per organizzare il BabyLoss Awareness Day per l’Italia dall’International Stillbirth Alliance nel 2007, e da allora coordina eventi negli ospedali, nelle piazze, nei teatri e dovunque sia possibile per coinvolgere non solo i genitori colpiti da lutto perinatale, ma anche i professionisti e gli operatori sanitari cui consegniamo bibliografia, letteratura e strumenti per offrire sostegno.L’obiettivo futuro dell’associazione e dei suoi volontari è rendere questa iniziativa sempre più diffusa sul territorio italiano, diffondendo il più possibile la consapevolezza ed ottenendone il riconoscimento con una Legge dello Stato.

 

fonte quotidiano l'Attacco

L’iniziativa è timbrata Open Gallery in collaborazione con i Laboratori Artefacendo di San Giovanni Rotondo. La kermesse, che ha avuto inizio nella serata di ieri, durerà per tutto il mese di ottobre: musica acustica tutti i venerdì interpretata dalle band più interessanti di Capitanata

Tra domani e mercoledì la rockstar girerà nuovi videoclip tra Manfredonia, Apricena e, appunto, San Giovanni Rotondo

Il tour “#IoDicoNo - Costituzione coast to coast” del deputato pentastellato fa tappa sul Gargano, a Vieste. Con lui anche il leader carismatico del Movimento Beppe Grillo. L’appuntamento è per domani alle 21 nei pressi della Marina Piccola, anche sul Gargano ci sarà “il tuffo” sulla folla?

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”