Martedì, 10 Dicembre 2013 09:58

Viaggio a piedi Benevento Monte Sant'Angelo: il racconto di Antonio Rinaldi

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Riceviamo e pubblichiamo il racconto di Antonio Rinaldi, medico ospedaliero nativo di Monte Sant'Angelo da anni residente a Como, del suo viaggio a piedi da Benvento alla città di San Michele Arcangelo. Noi del "Fatto" li avevamo incontrati un mese fa...


Camminare a piedi da Benevento a Monte Sant'Angelo ha significato attraversare un paesaggio costituito dal Sannio, Irpinia, Subappenino dauno, il Tavoliere della Puglia e parte del Gargano. Passare attraverso città come Benevento, Troia, Lucera, San Severo, San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo.

 

Vedere borghi come Paduli, Pietrelcina o Buonalbergo, luoghi come Malvizza di Sopra, frazione di Ariano Irpino. L'isola linguistica franco-provenzale di Faeto. Oasi francescane come Stignano. Insomma è stato anche un viaggio nella Storia preromana, romana, medievale ed anche moderna. Un tragitto che si sviluppa da Benevento a Troia su parte dell'antica via Appia-Traiana che conduceva da Roma a Brindisi. Un piccolo pezzo anche del regio tratturo Pescasseroli-Candela, quello della transumanza. All'inizio per me ci sono stati dei dubbi. Poi man mano che il viaggio si sviluppava mi guardavo indietro e guardavo avanti.

 

L'orizzonte prima collinare, poi la grande pianura del Tavoliere ed infine la cornice del Gargano, con la vista finale del Golfo di Manfredonia. Attraversare tra tratturi in mezzo a vigneti, campi coltivati, uliveti, osservare alberi da frutto, fiori autunnali; respirare il profumo della rucola selvatica e del timo. È stato bello ed insolito vedere dall'alto il "belvedere del Tavoliere", cioè Rignano Garganico, San Marco in Lamis ed infine San Giovanni Rotondo. Albe e tramonti; un giorno abbiamo camminato sotto la pioggia con la terra umida che si attaccava agli scarponi e rallentava i passi. Chiese meravigliose come quella di Troia e di Lucera. Piazze e vie incantevoli. Osservare una dolina, uno dei fenomeni carsici del promontorio. Il paesaggio che diventa un passaggio anche nel proprio io, armonizzandosi con la risonanza del ritmo del proprio fiato e dei propri passi. Comunicare con gli altri ed isolarsi per vivere in solitudine la bellezza della Natura e dei paesi lontani. Gli asini infine, amici e compagni fedeli di viaggio, dolci ed utili nel trasportare qualche oggetto dei nostri zaini. È stato divertente osservare chi ci osservava: alcuni ci vedevano come marziani, altri incuriositi ci chiedevano da dove venivamo e dove andavamo; altri entusiasti come i bambini o adulti disabili. Alla sera eravamo tutti intorno a un tavolo a mangiare cibi genuini ed a bere un bicchiere di vino schietto. Non è stato un voluto pellegrinaggio, ma in fondo lo è anche stato. Io ho voluto simbolicamente riconciliarmi ancora una volta con la mia terra che ho lasciato a 19 anni e non l'ho mai rimossa. Ritorna spesso nei ricordi della mente e nei sentimenti del cuore.


Antonio Rinaldi

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”