Giovedì, 22 Ottobre 2020 17:00

San Giovanni Rotondo, 23 ottobre 1860: 160 anni fa persero la vita 24 sangiovannesi, il ricordo del sindaco Crisetti

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 23 ottobre 1860, a pochi giorni dal Plebiscito per l'unità del Mezzogiorno al resto d'Italia, in un clima di incertezza e di notevole agitazione politica si consumò una sanguinosa strage dove persero la vita ventiquattro uomini.

A ricordare quei terribili fatti oggi sulla facciata di Palazzo San Francesco, dove si consumò la strage (in modo particolare in una stanza adibita a carcere), è collocata una lapide con i nomi delle vittime. Si tratta di una copia dell’originale che è custodita nel chiostro comunale.

 

«I due eventi tragici verificatisi a San Giovanni Rotondo, nel 1860 e nel 1920, ci devono far riflettere sull’importanza delle basi della nostra democrazia, a cui siamo arrivati, purtroppo, attraversando diversi momenti bui - ha dichiarato il sindaco Michele Crisetti. Il ricordo, la storia, devono rafforzare i nostri principi di democrazia, basati sulla civile convivenza, la libertà, l’uguaglianza tra le persone e la giustizia sociale: questi valori sono il motore del nostro modello civile. Occorre praticare sempre l'esercizio della memoria, come un esercizio a cui non bisogna mai rinunciare».

 

Sulla lapide si legge: “Qui cieco furore di plebe rinchiuse e da fautori di borbonica tirannide istigato senza cristiano consiglio in un’ora sola il 23 ottobre 1860 con miseranda strage 24 egregi uomini trucidò che la postuma cittadina riconoscenza martiri di libertà proclama e l’Italia redenta ai posteri tramanda”.

 

I ventiquattro cittadini che persero la vita quel giorno sono: Agostino Bocchino, Alessandro Campanile, Gennaro Cascavilla, i fratelli Enrico D’Errico e Luigi D’Errico, Nicola Maria Del Grosso, Guglielmo Fabrocini, Michele Fazzano, Matteo Fini, Franco Paolo, Achille Giuva, Giuseppe Irace e i figli Tommaso e Vincenzo, Tommaso Lecce, Maresca Antonino, i fratelli Achille e Luigi Merla, i fratelli Alfonso e Costantino Mucci, Francesco Ruggieri, Francesco Paolo Russo, Celestino Sabatelli e Terenzio Ventrella.

 

pubblicità3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”