Sabato, 07 Settembre 2019 14:12

Social, tra Samara e Bellanova tutti confusi e felici. Tranne Renzi

Scritto da  Michele Gemma
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ipocrisia e memoria corta, cortissima. E applausi alla discriminazione in base alla appartenenza politica. Eccezion fatta per Matteo Renzi

Il vestito blu elettrico e le offese social rivolte al neo nominato ministro dell’Agricoltura, Teresa Bellanova, è l’unico argomento (perché è tutt’uno) – serio - che è riuscito, per qualche ora, a far passare le apparizioni di Samara in secondo piano.
Come puntualmente accade, al grido “odio genera odio” (valido solo per altri), gli ipocriti, quelli che sui social sono “caritatevoli”, “acculturati”, “ecumenici”, “storici", a tratti religiosi ortodossi a tratti socialisti strozza preti, ma lontano dalla piazza virtuale abbandonano i loro falsi abiti dando dimostrazione del peggio di se stessi, hanno iniziato a manifestare la propria vicinanza al ministro, uno dei pochi o forse l’unico/a che riesce a trasmettere fiducia e vicinanza nonostante abbia perso malamente la sfida nel suo collegio elettorale uninominale riuscendo ad entrare nelle istituzioni della repubblica solo grazie ad una legge elettorale discutibile.
Bene, benissimo. Giusta la vicinanza, giustissima la deplorazione pubblica a offese fuori luogo e dal sapore retrò. Sconce, vili.
Male. Malissimo, l’ipocrisia che sgorga da montagne altissime come una vergine cascata di acqua purissima. Molti, per fortuna non tutti, di coloro che – ribadiamo, giustamente hanno condannato le offese al ministro – dimenticano (in realtà basterebbe rileggere la propria bacheca social), in mala fede, quello che scrivevano e affermavano nei confronti non solo di ministri e parlamentari, di governatori di regioni o di sindaci, ma addirittura nei confronti di quegli elettori che sceglievano di sostenere una qualche parte politica diversa dalla loro. Tra i commenti più gentili? Barbari, ignoranti, analfabeti, concorrenti a gare di rutti, eccetera, eccetera, eccetera, eccetera.
Memoria corta. Cortissima. Visto anche il fresco augurio di morte rivolto da un giornalista Rai nei confronti dell’ex ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini che ha in comune con il ministro Bellanova il solo fatto di non essere laureato.
A renziMale, malissimo. Gli ipocriti da tastiera non hanno speso una sola parola per condannare il quantomeno stravagante proposito. Silenzio. Assenza di rumori dovuti, con buone probabilità, al fatto che, in quest’ultimo caso, le offese sono rivolte a quello che in molti avevano amabilmente descritto come “campione di rutti” o “comandante dei nuovi barbari”.
In tutto questo fa eccezione Matteo Renzi. “Er bomba”, “Il principe del Gran Ducato di Toscana”, come è stato definito nel suo breve mandato da presidente del Consiglio dei Ministri. Il senatore del Pd in un twett (a sinistra): “Io ho lottato come un leone contro Matteo Salvini. E tutti insieme lo abbiamo mandato a casa. Ma vedere un giornalista Rai che tira in ballo il suicidio di Salvini e fa battute sulla figlioletta è indegno del servizio pubblico. Solidarietà a Salvini”. Non c’è un cazzo da fare, leader si nasce! “E Matteo, Renzi, lo nacque”.
Paradossalmente, a leggere i commenti dei soliti ipocriti e corti di memoria, per lo più sudisti (la stragrande maggioranza delle mie amicizie virtuale ha provenienza meridionale), a rischio di beccarmi l’etichetta del “NordistaRazzista”, preferisco il sincero, seppur discriminate, pensiero di Vittorio Feltri. Meglio un nordista sincero che un sudista smemorato.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”