Martedì, 04 Dicembre 2018 09:34

San Giovanni Rotondo, “Mal’Aria” di Legambiente: «Ecco l’aria che respiriamo»

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

La qualità dell’aria rappresenta da alcuni decenni uno dei temi ambientali più dibattuti sia sul piano scientifico che su quello sociale, a causa della sua stretta e ampiamente dimostrata correlazione con la salute umana.

La concentrazione del traffico veicolare “a circuito chiuso continuo” in piazza Europa, soprattutto nelle ore serali e notturne, “provoca emissioni inquinanti da gas di scarico”. Lo rileva il circolo di Legambiente dopo il monitoraggio dell’aria. I dati della campagna “Mal’Aria” non sono confortanti:combustioni da riscaldamento ed emissioni da traffico urbano si rivelano in generale i fattori di pressione più significativi”.

 

«Si deve prevedere un controllo ed un monitoraggio continuo della qualità dell’aria dei centri urbani, in particolar modo del traffico veicolare, finalizzato al miglioramento della qualità dell’aria. Far respirare il territorio assediato dal traffico, inserendo nei Piani dei trasporti obiettivi espliciti di riduzione delle emissioni di CO (monossido di carbonio), di rientro nei limiti per l’inquinamento dell’aria e di riduzione del rumore. È necessario- sottolinea Legambiente - educare all’ambiente, con le attività educative, anche nelle scuole, e le attività di formazione e informazione. La salute dei cittadini va salvaguardata con ogni mezzo, Sindaci e Amministratori devono impegnarsi con politiche incisive per ridurre i livelli di inquinamento».

 

I dati del sistema di monitoraggio di Legambiente sono messi a disposizione dallo Studio Di Cosmo.

 

Il contenuto di questi dati, riferiti alla stazione collocata nella centralissima Piazza Europa, rilevano forme “di inquinamento quasi esclusivamente dovuti ai gas di scarico e qualche camino acceso, visto l’assenza di vento. «Vedremo cosa accadrà con l’aumenterà l’accensione di camini e stufe varie». Fa sapere il circolo di Legambiente.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano