Martedì, 17 Aprile 2018 09:47

San Giovanni Rotondo, convegno A.N.P.I. con Paolo Borrometi

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(2 Voti)
Il giornalista Paolo Borrometi Il giornalista Paolo Borrometi

Sabato 21 un incontro con il giornalista Paolo Borrometi, presidente dell’associazione Articolo 21. Borrometi nel 2014 è stato aggredito da incappucciati, a causa delle continue minacce e dopo l'incendio della porta di casa, vive sotto scorta. Nei giorni scorsi la polizia e la Direzione Distrettuale Antimafia hanno svelato un piano della mafia che mirava ad uccidere il giornalista.

 

« Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure», recita l’articolo 21 della Costituzione Italiana. Il circolo A.N.P.I, “Giuseppe Limosani”, di San Giovanni Rotondo organizza un convegno sulla libertà di stampa.

 

In Italia non sono ancora escluse nell’esercizio della professione giornalistica intimidazioni verbali o fisiche, provocazioni, minacce e pressioni di gruppi mafiosi e organizzazioni criminali. I giornalisti spesso si sentono sotto pressione e sempre più spesso scelgono di autocensurarsi.

 

Cresce il numero di giornalisti italiani sotto protezione della polizia dopo minacce di morte. Per questi motivi l’A.N.P.I (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di San Giovanni Rotondo, in vista dell’anniversario della Liberazione, organizza un momento di riflessione sul tema della libertà di stampa.

 

Al convegno interverrà il giornalista Paolo Borrometi, presidente dell’associazione Articolo 21. Borrometi nel 2014 è stato aggredito da incappucciati, a causa delle continue minacce e dopo l'incendio della porta di casa, vive sotto scorta. Solidarietà gli è stata espressa dalle più alte cariche dello Stato. Nei giorni scorsi la polizia e la Direzione Distrettuale Antimafia hanno svelato un piano della mafia che mirava ad uccidere il giornalista. Al convegno parteciperà anche il giornalista Rai Nello Trocchia, aggredito a Vieste mentre stava realizzando, per la trasmissione di Rai due “Nemo, Nessuno Escluso”, un servizio sulla mafia foggiana.

Interverranno anche il giornalista Gennaro Tedesco, il direttore del quotidiano L’Attacco Piero Paciello e il coordinatore provinciale di Libera Sasy Spinelli. Introdurrà il presidente del circolo A.N.P.I, Michele Del Sordo.

 

L’iniziativa si terrà sabato 21 aprile alle ore 18.30 presso il “Chiostro Comunale” di Palazzo San Francesco, in Piazza dei Martiri a San Giovanni Rotondo (FG).

locandina21aprile

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Giuseppe Limosani Il Maestro Partigiano