Sabato, 25 Novembre 2017 09:39

Ufficio Giudice di Pace, a San Giovanni Rotondo sentenze al "freddo e al gelo"

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(1 Vota)
L'ingresso dell'immobile destinato all'Ufficio del Giudice di Pace (foto di prorietà) L'ingresso dell'immobile destinato all'Ufficio del Giudice di Pace (foto di prorietà)

"Non c'è carburante". Sarabbe questa la motivazione ufficiale della mancata attivazione dell'impianto di riscaldamento nei locali che ospitano l'organo di giurisdizione. Servizi, utenze e personale sono a carico dei Comuni di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Rignano Garganico (ques'ultimo a percentuale zero)

Diverse le segnalazioni di "bassa temperatura" arrivate a "Il Fatto del Gargano" da parte di avvocati, cittadini e personale dell'Ufficio. La spending review decisa dal passato Governo Monti sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie per il risparmio della spesa con il taglio delle sedi periferiche non c'entra. Tant'è che l'Ufficio del Giudice di Pace di San Giovanni Rotondo, dapprima soppresso, è stato riattivato grazie alla collaborazione istituzionale, amministrativa ed economica dei municipi di Rignano Garganico, San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo. I tre Enti che hanno deciso (come avevano trionfalmente affermato diversi consiglieri comunali) di compartecipare alle spese per il personale e per il funzionamento della stessa struttura destinata al tribunale.

La riattivazione dell'Ufficio c'è stata ad inizio 2017. Ora, a distanza di poco meno di 11 mesi da quella che era stata salutata da molti come "una vittoria per il territorio Giudice di Pace SGR3e per la giustizia", in quello stesso presidio di legalità l'impianto di riscaldamento non è entrato ancora in funzione. "Mancanza di carburante", fanno sapere ufficiosamente dagli Enti. Gasolio (nel 2017 l'impianto di riscaldamento di un ufficio pubblico è ancora alimentato a petrolio!) che dovrebbe essere garantito dal Comune di San Giovanni Rotondo in funzione del "patto" sottoscritto con gli altri due Comuni (il "patto istituzionale" per il mantenimento del Giudice di Pace prevede anche che il municipio di San Giovanni Rotondo entro dicembre predisponga la rendicontazione dei costi). Ma, ad oggi, il municipio sangiovannese non ha provveduto all'acquisto del carburante. Spesa cui dovrebbe partecipare anche il dissestato Comune di San Marco in Lamis in misura del numero dei suoi abitanti e dopo aver scorporato il costo per l'unità amministrativa trasferita dal municipio al tribunale. Stesso discorso vale anche per il Comune di San Giovanni Rotondo che ha destinato all'Ufficio del Giudice di Pace di viale Kennedy due unità. Nulla, invece, è dovuto dal Comune di Rignano.

La speranza di molti (cittadini, avvocati e personale) è quella di "poter lavorare al più presto in ambienti riscaldati, come previsto dalla legislazione vigente". Diversamente, nell'Ufficio del Giudice di Pace di San Giovanni Rotondo si continuerà a deliberare al "freddo ed al gelo".

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookies

1. Che cosa è un cookie?

2. Come è possibile disattivare i cookies?

Informazioni sui cookies

Che cosa è un cookie?

Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perché ilfattodelgargano.it utilizza i cookies?

Il sito web ilfattodelgargano.it (di seguito portale) utilizza i cookies al fine di fornire ai propri visitatori un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno alle proprie preferenze. Tramite i cookies la Fondazione fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito la Fondazione ha preso opportune misure tecniche ed organizzative.

Come posso disattivare i cookies ?

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  1. Apri Firefox
  2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
  3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
  4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
  5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  1. Apri Internet Explorer
  2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
  3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  1. Apri Google Chrome
  2. Clicca sull'icona “Strumenti”
  3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
  4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
  5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  1. Apri Safari
  2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
  3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
  4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”